Italiatakeaway Ciaonapoli home itinerari napoletanita sapori personaggi virusgallery fotogallery Chi siamo Guestbook
Segnala questa pagina ad un amico      Aggiungi ai preferiti      Imposta come pagina iniziale
Mercoledì 20 Giugno 2018   San Silverio       
Ora sei in-> Home -> I personaggi di CiaoNapoli       
I 'Virus' di Ciao Napoli
 
Clicca l'immagine per ingrandire
Clicca qui per entrare nella VirusGallery


 
Viaggio Virtuale

Visita
Napoli e dintorni


 
Servizi

I 'Servizi' di Ciao Napoli...
Guestbook


 
E-Card

Il modo migliore per inviare i tuoi saluti on-line: con una fotografia o con una vignetta

 
I nostri personaggi
 

Clicca sui nostri personaggi
per conoscerli meglio!


 
Piatti tipici

Un viaggio gastronomico alla scoperta dei prodotti tipici campani

 
Fotogallery

Le immagini più belle di Napoli e dintorni

 
Consiglia Ciao Napoli

Ciao Napoli ti è piaciuto?
Un tuo amico lo deve assolutamente sapere!


 
 
 
 

I personaggi di CiaoNapoli


DON KEY

In dialetto napoletano, il "ciuccio" è l'asinello diventato poi il singolare simbolo del Napoli calcio.
Successe nel lontano 1927, quando, a causa di un campionato deludente della squadra partenopea, al bar brasiliano, ritrovo dei sostenitori più accesi un giorno, un tifoso esasperato dalle tante sconfitte, tirò fuori una curiosa esclamazione:
"sta squadra nosta me pare "o ciuccio 'e fichelle: trentatrè piaghe e 'a coda frucida"
(questa nostra squadra mi sembra un asino che si lamenta per le sue trentatrè piaghe e per la coda moscia)
La battuta rabbiosa piacque così tanto che alcuni astanti la riportarono alla redazione di un giornale. Il quotidiano la riprodusse col disegno di un asinello mal ridotto, pieno di cerotti e con una misera coda.
Da quel giorno il "ciuccio" fu il simbolo del Napoli, soppiantando il cavallino rampante che non era riuscito ad onorare il suo ruolo di mascotte e portafortuna.
L'asino, ovvero "il ciuccio" ritorna spesso anche nei proverbi napoletani, che hanno dato prova della saggezza di questo popolo, ne citiamo alcuni tra quelli più significativi:

"Miette 'e denare 'ncanna a 'o ciuccio e 'o chiammano don ciuccio"
(Nascondi i soldi in bocca all'asino e lo chiamano Don Ciuccio - Ovvero: il rispetto si ottiene solo con i soldi)

'O ciuccio che se crede cervo, quando va pe' zumpà 'o fuosso se ne addona
(L'asino che si crede cervo, quando tenta di saltare il fosso, senza riuscirci, si rende conto di non essere in grado di farlo)

Chi se sposa a Nerano addeventa nu ciuccio o nu cane
(Chi sposa una ragazza di Nerano diventa un asino o un cane. Il proverbio ha origine dal fatto che Nerano è considerato il paese delle janare, sacerdotesse di Diana)

S'e appicciato 'o ciuccio cu ttutt'a carretta
(E' andato a fuoco l'asino con tutto il carretto - Ovvero: Abbiamo perso tutto e non ci resta più niente)

Dicette 'o ciuccio - si arriv 'a ascì' a miez 'a 'sti botte, nun esco cchiù a cacà' 'e notte
(Disse l'asino: Se riesco a salvarmi da questi fuochi artificiali, non esco più di notte per fare i miei bisogni. Il proverbio si riferisce alla tradizione spiccatamente napoletana di acendere fuochi artificiali nella notte di Capodanno, ma il povero "ciuccio" non lo sapeva)


 


developed: hosted:

Copyright © C.I.A.O. s.r.l. - P.O. Box 136 - 80059 - Torre del Greco (Napoli) Italia.
Tutti i diritti riservati. Prima dell'utilizzo leggere il disclaimer.
CiaoNapoli® e ItaliaTakeAway® sono marchi registrati dalla C.I.A.O. s.r.l.